LEZIONE DI STILE – DELFINO

LEZIONE DI STILE – DELFINO

Il delfino è uno stile “elegante”, ciclico e simmetrico, ma non il più dispendioso in termini di energia

Il corpo è orizzontale in posizione prona e leggermente inclinato a livello degli arti inferiori. La respirazione può essere fatta sia frontalmente sia lateralmente.

Gli arti inferiori si muovono in maniera simultanea, seguendo il movimento ondulatorio generato dal bacino. Inizialmente le gambe vengono recuperate grazie all’estensione del bacino ed alla flessione del ginocchio, successivamente l’acqua viene spinta dal collo del piede verso il basso con la distensione del quadricipite; la propulsione negli arti inferiori è data principalmente dal dorso del piede che spinge l’acqua verso il basso.

La propulsione globale nel delfino è data principalmente dall’azione delle braccia che si muovono in maniera ciclica e simultanea. Il movimento prevede una fase aerea dove le braccia sono rilassate e recuperano fuori con una azione rotonda ed esterna. In questa fase le mani sono rivolte verso l’esterno.

La fase subacquea inizia con l’ingresso delle mani davanti alla proiezione delle spalle, le braccia sono distese e si spostano prima in avanti e successivamente verso l’esterno (fase di appoggio/presa); le mani si spostano verso il basso e l’interno con i gomiti semi flessi, fino ad arrivare con gli arti superiori perpendicolari al corpo (fase di trazione). Infine gli avambracci si distendono in maniera rapida e le mani si spostano nuovamente verso l’esterno. Il movimento subacqueo (fase di spinta) termina col braccio disteso e il palmo della mano rivolto verso l’alto.

4 gennaio 2019 / by / in
Comments

Comments are closed here.