19 marzo – Festa del papà: scendi in campo con i tuoi figli!

19 marzo – Festa del papà: scendi in campo con i tuoi figli!

Una delle priorità che molti padri vogliono condividere con i figli è l’attenzione al benessere fisico e psichico attraverso l’esercizio di una vita attiva.

Vediamo insieme in quale modo un padre possa “scendere in campo” per crescere figli attivi e sportivi, facendo diventare l’attività fisica protagonista della vita famigliare.

DIVENTA UN MODELLO DI PERSONA ATTIVA

Studi di settore hanno dimostrato che i figli di padri attivi o sportivi, avranno 3,5 volte di più la possibilità di essere a loro volta bambini sportivi rispetto a figli di genitori sedentari. È quindi importante organizzarsi per permettere che ci siano sempre tutte le condizioni perché l’attività fisica entri a far parte della quotidianità della famiglia.

INCORAGGIA, INCORAGGIA, INCORAGGIA!

I ragazzi che sanno che il loro papà è interessato a quello che fanno sono più propensi a continuare un’attività. È molto importante mostrarsi interessati alle attività dei propri figli, anche fisiche. Chiedere alla sera che esercizi nuovi hanno imparato a danza, pallavolo, nuoto, basket… ma anche fargli sapere che avete notato che sono partiti da 10 ripetizioni di salto della corda in giardino o 10 palleggi con il piede e poi pian piano giorno dopo giorno sono migliorati sempre di più.

È altrettanto importante fare attenzione che il proprio figlio non esageri con l’attività sportiva, stancandosi oltre il dovuto, a scapito dell’attenzione, dei cicli del riposo e della scuola. 

GIOCA CON I TUOI FIGLI

Giocare con papà non solo rende i figli attivi, ma aiuta anche a regolare le emozioni e a sviluppare l’intelligenza emotiva. In questo modo i ragazzi impareranno a gestire le emozioni e ad avere relazioni migliori con altri bambini e quindi inserirsi meglio in uno sport di squadra.

Un po’ di baruffa positiva tra padre e figlio non fa mai male: migliora la loro resilienza, aiuta a sviluppare grinta, permette di creare l’intelligenza sociale, introduce il rispetto per i limiti e i confini e sopra a tutto costruisce la relazione padre-figlio.  

VIAGGIA CON I RAGAZZI

La vacanza con i propri figli, soprattutto in campeggio, è un bellissimo modo per coinvolgere i ragazzi in una serie di attività fisiche. Montare la tenda, andare a riempire la tanica di acqua, camminare per andare in spiaggia, nuotare insieme fino agli scogli, giocare a pallone o a beach volley sulla spiaggia! Queste attività aiutano a scoprire ambienti diversi e a sperimentare le proprie capacità fisiche e il papà potrà insegnare a conoscere e rispettare la natura. Ma anche fare trekking o fare sport sarà un bel modo per stare attivi insieme.

Le conoscenze che un padre può dare al proprio figlio durante una vacanza attiva e in mezzo alla natura sono impagabili.

TRAMANDA LE TUE ESPERIENZE

I papà hanno vissuto tante esperienze che possono passare ai propri figli in diverse fasi della loro vita e questo vale anche per l’attività fisica. Fin da piccoli si può insegnare ai propri figli a lanciare una pallina, un frisbee, a pagaiare su un cannotto, a far volare un aquilone, a pescare, a giocare a pallone, a saltare. Le attività che insegnate ai bambini da piccoli spesso li accompagneranno per tutta la loro vita. 

FATTI COINVOLGERE DAI TUOI FIGLI!

Il fattore che influenza di più la crescita emozionale di un bambino è il coinvolgimento che il papà ha nella sua vita. I figli che hanno dei padri coinvolti in quello che fanno, saranno sicuramente emotivamente più sicuri, più fiduciosi nell’esplorare i loro dintorni e ad avere migliori connessioni sociali collegate quindi anche alla loro vita attiva. L’importanza di accompagnare regolarmente i figli a fare sport è grandissima, saranno felici, orgogliosi e stimolati a fare meglio …va bene anche arrivare a metà allenamento e farsi vedere in tribuna

18 marzo 2021 / by / in
Comments

Comments are closed here.